momenti vissuti

.cuore.jpg

Ti pensavo così

Te e la tua faccia

Te e i tuoi occhi che confondevano il colore del cielo e del mare quando il sole rende tutti migliori

Non c’è mai stato tempo sufficiente per parlare

ma avevamo le parole necessarie per dirci quello che bastava… sapevo che ne avresti capito il senso

Quelle percezioni troppo sottili che affiorano ai sensi velocemente, non calcolate dalla coscienza, mi hanno legata a te

Indifese, abbiamo subito parlato del nostro presente e del nostro passato

con le lacrime dentro e fuori dagli occhi

Tu, impietosa nelle parole verso chi ha lasciato duri segni incancellabili sulla tua parte migliore

Noi, un tempo sfrontate dentro al nostro giovane corpo assetato di vita ed alla nostra mente vivace che non ci aiutava proprio quando ne aveva bisogno

Arrese davanti al dolore incontrollabile che ha dannato notti che non vedevano mai la luce

Coraggiose di fronte alla certezza di poter andare e dare oltre

Inebriate dal sorriso di un bambino, dal cuore di un uomo

Felici per un atto d’amore

per i fiori sulla tavola

per un libro a cui ci affezioniamo, sempre

per quell’attimo insieme….vissuto….sentito….

 

“L’amicizia è un’anima che vive in due corpi” Bernard Clément” 18508

Annunci

I Bambini Dharma : Progetto LA CASA DI ACCOGLIENZA “BUSSOLA MAGICA”

bussola magica

Il nostro sogno più ambizioso è realizzare una casa famiglia in cui ospitare i bimbi esposti ed eventualmente i bambini maltrattati durante il periodo di attesa.

Un luogo dove colmare le carenze affettive e materiali che subiscono ingiustamente, una bussola capace di dare orientamento a queste piccole anime in cerca di un posto nel mondo. 

Il progetto è ad oggi embrionale, ma l’associazione sta lavorando per mettere le basi affinché le condizioni siano favorevoli a raggiungere tale scopo.

Se questo progetto si realizzasse, infatti, i bambini non saranno più costretti a sostare per mesi in un reparto ospedaliero, ritagliandosi a stento uno spazio tra un’attività di routine e l’altra.

Non dovranno più sentirsi d’impaccio, ma trovare conforto in un ambiente caldo e confortevole, con persone preparate e dedite alla loro cura.

consapevolezza

equilibriobis

Semplifichiamo : quel viaggio mi riportò indietro.

Durò anni e sembrava non finire mai.

Sembrava sempre qualcos’altro.

Un po’ quello che succede nella testa con le immagini per le illusioni ottiche, perché invece il tempo se ne andò via velocemente.

Certo, cosa normalissima, ovvia, scontata, come sempre.

Ma è il suo modo nel farlo che mi colpì.

Letteralmente, mi colpì.

Sembra incredibile ora che ricordo, ma sono sicura che si fermò un istante anche lui, insieme a me.

Ebbi la netta impressione che si aggrappasse ad ogni pezzo del mio essere.

Voleva fermarsi?

Voleva fermare me?

Impossibile, io non stavo morendo.

Bruciavo, piangevo, tremavo, ero piena di passione.

Impossibile.

Prima mi guardò in faccia come mai aveva fatto, poi, dovendo riprendere la sua corsa per recuperare in volo, mi investì, letteralmente appunto.

Il tempo.

Fu uno scontro frontale.

A quel punto ero lucida, emozionata, decisa.

Lui rimbalzò avanti.

Io venni immediatamente proiettata in un’altra dimensione.

Quale?

Non posso definirla, non la conoscevo prima ma la conosco sempre meglio ogni giorno che passa.

All’inizio non puoi rendertene conto immediatamente, se non fosse per quel sorriso che ti ritrovi spesso in faccia.

Dopo è una meraviglia, perchè quel sorriso te lo ricordi.

C’è sempre stato.

Sospeso nel vuoto un filo immaginario da un punto ad un altro e tu, le braccia aperte come ad abbracciare il mondo, ci cammini sopra in perfetto equilibrio.

Quasi perfetto.

La perfezione non esiste.

I Bambini Dharma : Progetto “il Guscio”

dharma

Il progetto “Il Guscio” è un’attività che l’Associazione porta avanti in maniera costante sin dalla sua fondazione.

Nasce dalla consapevolezza che tutti i bambini ricoverati in ospedale necessitano di attenzioni e attrezzature particolari, personalizzate in base alla condizione fisica e psichica, all’età e anche al carattere. Procurando il materiale che questi bimbi necessitano – da un semplice giocattolo fino a presidi sanitari o arredi per allestire un angolo di ospedale caldo e accogliente – contribuiamo a riempire il vuoto che ruota intorno a loro, umili e pronti ad accogliere una carezza, un sorriso, un gesto d’amore e di cura.

Nel tempo abbiamo donato all’ASST degli Spedali Civili di Brescia, P.O. Ospedale dei Bambini, giocattoli adatti allo sviluppo cognitivo e motorio, strumenti sanitari, passeggini omologati, arredi, armadi, lettini, una lavatrice, un televisore e molto altro.

I bimbi esposti in particolare hanno esigenze peculiari: se altri degenti possono contare sui genitori e su associazioni che si occupano della loro specifica patologia, gli esposti no.

Vengono lasciati dalla mamma senza nulla.

In attesa di una collocazione, questi bambini vivono all’interno degli spazi ospedalieri senza un luogo a loro dedicato.

Vengono ricoverati tra un paziente e l’altro nei vari reparti pediatrici che, per quanto ben gestiti, non sono adatti alla normale crescita di un bimbo.

Per le normative della privacy questi piccoli non possono avere rapporti con il mondo esterno: il loro sole è il neon del reparto, il loro cielo il soffitto della stanza.

“Il Guscio” nasce proprio dal desiderio di creare uno spazio accogliente nel quale i bambini ricoverati possano crescere il più serenamente possibile. Per farlo l’Associazione acquista tutto il necessario con i fondi donati dai benefattori, oppure riceve i materiali direttamente da chi decide acquistarli autonomamente per poi donarceli.

heart

I Bambini Dharma : Progetto “la Valigia”

valigia

” La tradizione ci insegna che “ogni bambino arriva con il suo fagottino”, cosi abbiamo pensato alla valigia come contenitore di esperienze e di vissuti primari, acquisiti sin dal primo momento che questa piccola Anima decide d’incarnarsi in un grembo.
La valigia, nel nostro sentire, è un modo simbolico di rappresentare l’inizio del “viaggio”  che veste di esperienza d’Amore questo Dono dal cielo, lo spettacolo della vita.
Noi il “fagottino” l’abbiamo preparato e racchiuderà principalmente la storia dei primi giorni del neonato in ospedale, in attesa di avere una famiglia tutta per sé.
Questa è la sua valigia e conterrà i suoi vestiti, i suoi giocattoli e tutto ciò che verrà a lui regalato perché è un bambino atteso e amato fin dal primo giorno che è venuto al mondo.
E’ una valigia che lo accompagnerà nel suo lungo viaggio e parlerà di lui.
E’ la storia dei suoi primi giorni.
Quando i tempi saranno maturi e il bambino comincerà a chiedere qualcosa di sé, i genitori sapranno cosa dire, sapranno cosa mostrare e lui sarà fiero della sua storia.
Saprà che alla sua nascita c’era chi si è occupato di lui, chi l’ha riempito di coccole, chi ha consolato il suo pianto.
Ai bambini che vengono lasciati in ospedale dopo il parto questa prima parte di storia personale viene preclusa.
E’ vero che avranno vestiti dignitosi e le cure del personale, che riceveranno coccole e verrà consolato il loro pianto, magari riceveranno un carillon in regalo, ma nulla potrà essere documentato.

Chi glielo racconterà ?

L’Associazione di Volontariato “Dharma” amorevolmente raccoglie questi piccoli frammenti di esperienza cercando di esprimere al meglio l’essenza di questo viaggio iniziale.

Un tessuto teneramente intrecciato a più mani che dà vita a questa valigia e storia a questo Essere.”

 

http://www.ibambinidharma.it/

Il Presidente,

Giovanna Castelli

STAY COLORFUL

stay0       Ciao a tutti  !!! 

Vi mando un grande bacio stay1

Per la cronaca, qui c’è musica……………stay2..

fiori…….

stay flowers

…….frutta……… stay4

 

………..ah, di recente sono stata dal parruccchiere….stay5………. e mi sono sentita improvvisamente ringiovanita………

come al solito non ho resistito a comprare qualche regalo per le amiche….      stay6

a volte, di sera, usciamostay7.jpg

 e beviamo qualcosa insieme e …stay8

chiacchieriamo chiacchieriamo chiacchieriamo….stay9

…..altre volte mi soffermo, quasi senza respiro,davanti a 

paesaggi incantati stay10

intanto  stay11guardo il mondo 

stay12 e le sue strade

                     e la sua gente

e i suoi bambini…

stay14

…………………….bambini ………………………stay15.jpg

….bambini ……. stay16

                                            con questi meravigliosi & magici occhiali 

cropped-jover-glasses.jpg

mentre il tempo, inesorabile,  stay18scorre via

 

stay19!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

vostra amica titti, con affetto stay20

Liebster award, grazie

liebster-award1

Il Liebster award è un premio virtuale, un riconoscimento che viene attribuito da alcuni blogger ad altri blogger con lo scopo di dare visibilità a quei blog che sono nati da poco o che comunque non hanno ancora una fitta rete di lettori a sostenerli (quelli con meno di 200 followers).
Per partecipare si deve:
Pubblicare il logo del Liebster Award sul proprio blog.

Ringraziare il blog che ti ha nominato e seguirlo.

Rispondere alle sue 11 domande

Nominare a tua volta altri 11 blogger con meno di 200 followers

Formulare altre 11 domande per i blogger nominati

Informare i blogger della nomination.

Anche se un pò tardi perchè il tempo è sempre poco rispetto alle cose da fare, ringrazio Claudia, diserieZero, ed Enri1968, sullamaca, per avermi nominata.

Le domande di Claudia :

1) La citazione che ti rappresenta? “i bambini sanno qualcosa che la maggior parte della gente ha dimenticato”

2) Futuro o passato? (escludendo il presente) “futuro”

3) Essere o avere? “essere”

4) I tre colori che preferisci? “verde, azzurro, rosso”

5) Biro blu o biro nera? “blu”

6) Rosso BIC o rosso STAEDTLER? “troppo tempo che non uso la biro rossa :-)”

7) In quale animale ti identifichi? (compresi quelli estinti) “un canarino !??? ahahahah scherzo…. direi qualcosa di libero e selvaggio, ma non saprei definire”

8) Se fossi un soprammobile,quale saresti in questo periodo della tua vita? (io una boule de neige) “hai presente quei cristalli sfaccettati che luccicano e riflettono colori alla luce del sole? ecco, quello”

9) Bicicletta o corsa? “bici”

10) Sogni o sei desto? “sono desta, ma non smetterò mai di sognare”

11) Che domanda mi faresti? “quali sono le tue passioni?”

11bis) Se non hai domande da farmi che domanda ti faresti? “ne avrei tante, ma mi fermo qui :-)”

Le domande di Enri:

  1. Perché hai aperto un blog? “perchè ne avevo aperto uno su Splinder tempo fa, poi Splinder ha chiuso…. e a me piace comunicare”
  2. Come sei arrivato a WordPress? “navigando in rete per le mie ricerche sui libri, così come ero arrivata a Splinder”
  3. Quanto tempo ci dedichi? “quando posso; so che non è una risposta soddisfacente, ma non so rispondere diversamente”
  4. Sono curioso, hai fatto tutto da solo o ti sei fatto aiutare? “da sola, infatti non so come me la caverò per nominare gli altri bloggers : non so da dove e come posso vedere chi ha meno di 200 followers”
  5. Quando scelsi il nome Sull’amaca e il motto “Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.” non ci ho pensato molto, invece per il tuo? “anch’io non ci ho pensato molto, mi è venuto così, come se fosse qualcosa sempre in costruzione e mai definitivo appunto”
  6. Personalmente scrivo per divertirmi, mi dà soddisfazione e soprattutto mi piace avere il mio spazio. Tu? “anch’io; e mi piace imparare dagli altri, confrontarmi e restare aperta sul mondo”
  7. Come ti nascono i post? “dall’ispirazione e dalle esperienze”
  8. In funzione del post, quasi sempre scelgo delle immagini dal web o delle foto che ho fatto, in ogni caso come le sceglie o le prepari? “anch’io le scelgo in funzione del post, a seconda dell’ispirazione sempre”
  9. Che ne pensi del Liebster Award? “non mi piacciono le catene ma sicuramente alcune catene sono diverse; questa è una di quelle”
  10. Ho dedicato una serie di post alla scena underground musicale italiana degli anni ’80, raccogliendo varie dichiarazioni di chi l’ha vissuta. Tu sei uscito vivo dagli anni ’80? “eccome se ne sono uscita viva…..viva e bene :-)”
  11. Sull’amaca è un blog personale ma vi sono post dedicati alla musica, tu che ascolti di bello? “mi piace la musica, non concepirei la vita senza; mi piace molto ascoltare musica come Pink Floyd, David Bowie, Rolling Stones, ma anche generi come St.Germain, la house di una certa qualità, jazz e blues …. la lista è molto più lunga ma, come scrivevo a Claudia, devo fermarmi qui: sono una chiacchierona :-)”

Nomino gli 11 bloggers : ( e mi scuso, magari qualcuno di loro ha molto più di 200 followers, ma io non so come vederlo)

vincenza63.wordpress.com

rafaroundtheworld.wordpress.com

lamelasbacata.wordpress.com

bludinotte.wordpress.com

giorgianabratu.it

rettaparallela.wordpress.com

guardandolalunadaunacruna.wordpress.com

ladamadistratta.wordpress.com

emozioni759.wordpress.com

endovenablog.wordpress.com

cronachediunesistenzaquotidiana.wordpress.com

Le mie 11 domande :

  1. cosa ti prende più tempo oltre al lavoro ed alla famiglia?
  2. quali sono le tue passioni?
  3. il tuo film preferito?
  4. il tuo attore preferito? o attrice, naturalmente…
  5. il libro che ti ha dato di più?
  6. il tuo cibo preferito?
  7. il viaggio che hai preferito?
  8. il tuo sport preferito?
  9. il tuo miglior pregio?
  10. il tuo peggior difetto?
  11. la conoscenza/consapevolezza che più ti ha dato nella vita ? (che sia una persona, oppure una scoperta tua, su di te, su qualcun’altro o su qualcosa)

Un mio augurio speciale per il meglio nella vita <3, anche ai bloggers che non posso nominare ma che seguo sempre appena possibile, volentieri !

titti

flowers

racconto breve sulla filosofia dei cerchi sottotitolo quell’invisibile filo magico che ci unisce

cerchi

 

io: “secondo me ‘tutto quadra’ l’ha inventata un matematico”

lui “perché?”

io “perché, se l’avessi inventata io, direi ‘tutto cerchia’ “.

Insomma, questo solo per esprimere un mio piccolo pensiero “tutto quadra, anzi, tutto cerchia” : con te mi si chiude un cerchio e mi si riapre un altro cerchio e la mia vita è fatta di cerchi che si aprono, alcuni si chiudono altri no, alcuni si chiudono prima, altri dopo, altri no, ma alla fine della vita il mio cerchio sarà un grande cerchio che si chiude e dentro a questo cerchio ci saranno tutti i piccoli cerchi chiusi, anche quelli che erano rimasti aperti. Oppure tutti questi piccoli cerchi si apriranno per diventare un filo che formerà un cerchio.

Hai senz’altro capito.

Tutto cerchia.

infinito

 

Sliding doors…….l’incontro 14608

IMG_20170322_183659

E’ sempre lei.

E chi potrebbe dimenticare una così?

La solita faccia struccata e pulita, solo il solito lucidalabbra con i puntini che brillano.

Sempre impegnata, come al solito troppo.

Lei che come sempre si appassiona a quello che fa e quello che fa lo fa bene.

Lei schietta, diretta, dolce e gentile, ferma e rigida sulle sue idee.

Lei molto critica, lei che si confronta sempre, come sempre, come al solito.

Lei molto concreta. Carattere, volontà, determinazione !

Ti guarda dritta in faccia, parla lentamente e usa frasi così chiare, non dà mai risposte evasive, interpretazioni vaghe.

Lei che non ammette qualsiasi forma giudichi la minima mancanza di rispetto, da chiunque essa arrivi ed in qualsiasi modo si manifesti.

Lei onesta fino in fondo con gli altri, con sè stessa, come al solito.

Secondo lei a qualcuno che afferma “oggi mi va bene così, domani non so” bisogna chiedere “non so cosa?”, perchè sostiene che nel momento in cui si dice “non so” si ha già in mente qualcosa o più di qualcosa, qualcosa che va detto …. presente il tipo??

Non ti dà scampo!

Vuole il confronto, lo scontro, l’incontro diretti.

Lei che si racconta lucidamente.

Lei che anche se come al solito sta lavorando tanto, troppo, e non ha un minuto di tempo libero come al solito, ti dice “passa che ti saluto” e tu sai che lo dice sul serio, come al solito.

Per ragioni diverse stavamo vivendo ognuna un momento particolare della nostra vita e, se avessi dovuto guardare un film, l’ incontro non sarebbe stato affatto una casualità.

Ecco perché ebbi la certezza che quella volta non ci sarebbe stata un’altra interruzione.

La storia continua, come al solito