Amore che torni

Tracce di te che rimangono

Musica, canti e sorrisi

Baci e carezze la notte

Sussurri… smania graffiante e passione profonda

Noi ubriachi d’ardore, salto nel vuoto e disperate certezze

Facevamo l’amore e la pioggia scendeva tardi

Fortuna gli abbracci nel vicolo stretto, addii con la luna nel cuore

Amore che vieni amore che vai

Ho lasciato te nel momento più bello, mentre tu… tu volevi restare

Un uomo per strada mi ha portato quel fiore, il dono prezioso

Arrivi con musica e suoni prendendo la parte migliore

Immagini… specchi blu nella notte, riflessi di me nei tuoi occhi

Le parole che non mi bastavano e il fumo a coprire quei vuoti

Il mare, la casa del sogno, passione a fior d’acqua che cresce

Ritorno di pianti quel viaggio, ridevi per fuggire il dolore, mentre io… io volevo restare

Tu

Tu

tu sei ciò che sei

e io

io ti amo

veramente

semplicemente

con tutto quello che sento essere il tuo mondo

così lo dico

con tutto il cuore nella mia piccola mano

con la mia testa che viene con te nei tuoi giorni più fragili più bui più belli

con tutta me stessa

con tutto quello che potrei sentire là

oltre

i nostri sbagli

i nostri vuoti

le nostre paure

i nostri silenzi

Luce

Anima

Nel nero della notte la mia anima è assoluto che si muove ineluttabile e dentro di me resta.

Fermo principio incontaminato.

Nonostante tutto sembriamo non cambiare mai dentro di noi.

Il mio spirito di oggi ieri domani è sempre con me

come un angelo vicino mi protegge

lo sento

e qui è la gioia di un’emozione come ti coglie la sera col suo calore

quando la mente spalancata sul mondo e su tutto ciò che è vita viaggia verso orizzonti lontani.

Il tuo spirito vuole seguirla

dove il vento che spinge la vela soffia forte, io viaggio veloce e là mi ritrovo

in quel luogo sempre rimango.

Lo stesso dolce pensiero spinge in fondo

si sprigiona in tutta la sua magia che mi sveglia mi culla mi dà forza mi dà ….mi dà …

La notte arriva ed è passione

mi ritrovo nei contrasti

l’equilibrio diventa un filo sottile

mi perdo nelle sensazioni.

Mi addormento sola

abbracciata all’anima.

Sognerò una nuvola di bimbi a piedi nudi che gridano ridono corrono?

e il mio tuffo nel profondo azzurro dell’acqua e il mio riemergere solo quando il respiro manca?

Mentre dentro sento l’invasione dei sensi la pienezza delle idee la verità dei miei sentimenti più puri.

Mosaico

Mio signore, dato il cotal calore che il mio corpo emana per la vostra amabile presenza, presto svelato il volto avrò sul drappo di seta di rosso rubino finemente bordato a ricoprir il nostro sacro talamo.

Istintivamente si perderà il mio sguardo nelle fredde ombre dei vostri amati occhi.

I profondi gemiti sulle pareti nude riecheggeranno, rievocando in mosaico ricordi di tempo eterno.

Una pungente fitta il nobile cuore sentirà, ma di essa il cortese paladino non abbia cura.

Tale è il destino di chi sotto la stella della rinascita la via ancor cerca e il desìo inestinguibile spinge.

Le chiare iridi solcate da calde onde dei mari del voluttuoso pianto.

L’emaciato volto dal tocco dell’oblio mancato.

Ma serena in essere rimarrò, raminga nello spirito.

A scivolar perduta nelle vostre ardenti e forti braccia.

Il vostro nome mormorato in increspar di labbra.

Della vostra presenza sempre gioirò sui miei turgidi seni.

Talenti

Ho due fratelli maschi, il maggiore ha avuto un figlio, Giacomo, e dal padre ha ereditato la testa.

Il suo talento è la matematica. Ha 30 anni e anni fa ha deciso di intraprendere la difficile strada dell’insegnamento; dice che non vuol fare altro che insegnare ed è davvero portato, a detta dei suoi alunni al liceo e da chi l’ha visto all’opera. Da qualche anno insegna matematica e fisica.

Il fratello minore ha avuto una femmina, Lucrezia, che ora ha 11 anni e dal nonno materno ha ereditato il genio artistico. Lui era un fumettista, Ruben Sosa, purtroppo mancato un anno prima che Lucrezia nascesse.

E’ nata con la carta, i colori, le matite, le tempere, i gessetti in mano.

Vorrei condividere con voi 3 suoi quadri che mi sono piaciuti tanto.

Uno in particolare mi ha sbalordita.

Il primo sopra l’ha dipinto qualche anno fa. Mi è piaciuta la schiuma dell’acqua che arriva a riva e i riflessi nel mare di tutto ciò che c’è sopra il mare, nonchè il cielo.

Questo sotto l’ha dipinto durante questo ultimo periodo in cui non ha potuto frequentare la scuola.

Ora sotto metto l’originale da cui lei ha copiato, anche se dice che preferisce creare piuttosto che copiare o dipingere ciò che la sua profe le dice di fare.

Qui sotto metto invece il suo disegno. Ho notato le ombre nelle maniche, sull’abito, ovunque, e la copiatura perfetta, dove i colori sono più vivi e quindi mi piace di più dell’originale.

Ora, va bene il cuore di zia innamorata, ma qui si tratta di vero talento e geni ereditati.

Vi abbraccio con la speranza che tutti stiate bene.

Un sorriso,

zia titti